Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Teaching schedule

Academic year: 
2018/2019
Belonging course: 
Course of 5-year Single Cycle Master's Degree Programme on LAW
Disciplinary sector: 
HISTORY OF POLITICAL INSTITUTIONS (SPS/03)
Language: 
Italian
Credits: 
6
Year of study: 
5
Hours of front activity: 
48

Language

Italian

Course description

The course is intended to introduce the students with the main lines of thought and constitutional experiences, as weIl as the history of constitutional processes in the main western countries, in between a long range temporary arc which covers low middle age, going through the mental revolution that founded its expression between Renaissance and Enlightment periods (the two great modern revolutions, american and french), and finally emerging into its most recent developments.
Expected results, according to the Dublin descriptors:
This course wants to stimulate the development of a first perception of the essential features of a constitutional system. Specifically:
- Level of knowledge and understanding: The aim of the course is to develop the critical conscience of the student on the base of the relation between constitutionalism and state civilization in the evolutional development between the ancient regime societies and the contemporary ones, trying to reconstruct the principal lines of development of the thought and the constitutional practices of the modern and contemporary West. - Capacity to apply knowledge and understanding: the course offers a methodological approach that, starting from the comprehension of the socio-political context, allows to develop comparative aspects related simultaneously to the juridical, the anthropological and the psycho - socioanalytical dimension, with a particular attention to social representations and to the processes of state civilization. - Autonomy of judgment: the described method, combined with the continue debate in class, allows to develop the student’s autonomy of judgment. - Communicational skills: the reflection has to be conducted starting from opposite constitutional models to encourage communicational, declarative and critical skills. - Learning ability: the learning ability is stimulated thanks to class debates and confrontations.

Prerequisites

No preliminary objective is requested.

Syllabus

The course aims to introduce the students to the key concepts of constitutional history (with a particular focus on statual civilization, revisitation and mantainance of laws and the occult power of the judges) (10 h). The learning process should provide the students the tools necessary to orientate themselves within the main theoretic and storiographic approaches to constitutionalism, from Ancient to New Regime, especially underlining the dialectical system between different powers that was a specific feature of the institution structures in pre-revolutionary France, through the study of the conflictual relationships between monarchic power and parliamentary power of the judges (20 h). The multicentenary processes which brought to the first constitutional texts’ formalization will be discussed during the lessons, through the analysis of affinities and differences between pre and post revolutionary constitutions (10 h). The course aims to research the historical roots that form the practical and cultural imprinting of the current situation as well (8 h).

Teaching Methods

The course is structured into a series of frontal lectures with the aid of different audiovisual technologies which require the continuous and active partecipation of students, who will often be stimulated to intervention during the lessons.

Textbooks

ESSAYS:
1) Francesco Di Donato, La Costituzione fuori del suo tempo. Dottrine, testi e pratiche costituzionali nella Longue durée, in «Quaderni costituzionali», a. XXXI, n. 4, dic. 2011, pp. 895-926.
2) Francesco Di Donato, La manutenzione delle norme nell'Antico Regime. Ragioni pratiche e teorie giuspolitiche nelle società pre-rivoluzionarie, in «Studi parlamentari e di politica costituzionale», a. 43, n. 170, 4° trimestre 2010, pp. 35-60.
3) Francesco Di Donato, La revisione costituzionale in una prospettiva storico-istituzionale. Il problema del mutamento giuridico in relazione al mutamento sociale e culturale, in Silvio Gambino e Guerino D’Ignazio (a cura di), La revisione costituzionale e i suoi limiti. Fra teoria costituzionale diritto interno esperienze straniere, Giuffrè, Milano 2007, pp. 555-578.
4) Francesco Di Donato, La trasparenza contro l’ostacolo. Il mutamento del concetto di «legge» nella Rivoluzione francese, in «Lo Stato», Mucchi editore, Modena, n. 1, 2013, pp. 179-211.
5) Francesco Di Donato, Democrazia, statualità e spirito delle istituzioni, in Alessandro Arienzo, Diego Lazzarich (a cura di), Vuoti e scarti di democrazia. Teorie e politiche democratiche nell'era della mondializzazione, ESI, Napoli 2012, pp. 359-377.
6) Francesco Di Donato, Ceto dei giuristi e statualità dei cittadini. Il diritto tra istituzioni e psicologia delle rappresentazioni sociali, in Leonida Tedoldi (a cura di), Alla ricerca della statualità. Un confronto storico-politico su Stato, federalismo e democrazia in Italia e in Europa, QuiEdit, Verona 2012, pp. 19-63.
7) Francesco Di Donato Il giudizio di costituzionalità nella Francia dell’ancien régime: una storia politico-istituzionale. Parte I. I fondamenti teorico-pratici, in «Giornale di Storia Costituzionale», n. 7, I/2004, pp. 147-165; parte II. Le dinamiche della prassi, in «Giornale di Storia Costituzionale», n. 9, I/2005, pp. 65-86.
8) Francesco Di Donato, Giuristi e storia dello Stato. Il conflitto magistratura-potere politico nella Francia del Settecento, in «Storia Amministrazione Costituzione. Annale dell’Istituto per la Scienza dell’Amministrazione Pubblica», Il Mulino, n. 11/2003, pp. 73-122.
9) Francesco Di Donato, Lo Stato moderno di ancien régime. L’esperienza francese, in Lo Stato moderno di ancien régime, «Atti del Convegno di Studi», San Marino 6-8 dicembre 2004, Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Scuola Superiore di Studi Storici, a cura di Laura Barletta e Giuseppe Galasso, Aiep Editore, San Marino 2007, pp. 129-168.
10) Francesco Di Donato Considerazioni liminari sull’antistatualità nell’Italia contemporanea, in «Atti del 62 seminario di Trento», 15-16 dic. 2006, in «Storia Amministrazione Costituzione. Annale dell’Istituto per la Scienza dell’Amministrazione Pubblica», Il Mulino, n. 16/2008, pp. 279-304.
11) Francesco Di Donato, La ricerca storica sulla magistratura. Aspetti metodologici e linee prospettiche, in «Le carte e la storia», n. 2/2012, pp. 5-32.
12) Francesco Di Donato, Sulla civilizzazione statuale, in «Ragion Pratica», n. 42, giugno 2014, pp. 69-86.
13) Francesco Di Donato, Il governo diviso dei giudici. Strategie e tecniche della mediazione patriarcale nel mondo contemporaneo, in E. Caterini et al. (a cura di), Costituzione Economia Globalizzazione. Liber amicorum in onore di Carlo Amirante, Napoli, Esi, 2013, pp. 299-334.
14) Francesco Di Donato, Un costituzionalismo di antico regime? – Prospettive socio-istituzionali di storia giuridica comparata, in D. RICHET, Lo spirito delle istituzioni – Esperienze costituzionali nella Francia moderna, a cura di F. Di Donato, Laterza, Roma-Bari 1998, pp. VII-L.
15) Francesco Di Donato, La metamorfosi dell’ordine legale – Morte e trasfigurazione del costituzionalismo in Francia da Le Paige a Mably, in «Frontiera d’Europa», 2/1997, pp. 81-136.

BIBLIOGRAPHY CONTINUES IN “OTHER INFOS”

Learning assessment

Oral examination.
The followers will have the possibility of being tested on two different essays of their choosing between the ones listed above.
Non-followers will have the possibility of freely compose their examination plan through the following schemes: four essays, or two essays and two books, or three essays and one book.

More information

BOOKS’ LIST:
1) Peter J. Aschenbrenner, British and American Foundings of Parliamentary Science, 1774-1801, Routledge, London and New York 2018.
2) Sabino Cassese, Lo Stato introvabile. Modernità e arretratezza delle istituzioni italiane, Donzelli, Roma 1998.
3) Sabino Cassese, L’Italia: una società senza Stato?, Bologna, Il Mulino, 2011.
4) Umberto Cerroni, L’identità civile degli italiani, Manni, Lecce 1996.
5) William F. Church, Constitutional Thought in Sixteenth-Century France, Harvard University Press, Cambridge 1941.
6) Ernesto Galli della Loggia, L’identità italiana, Il Mulino, Bologna 1998.
7) Emilio Gentile, Né Stato né Nazione. Italiani senza meta, Roma-Bari, Laterza 2010.
8) Carlo Ghisalberti, Storia costituzionale d'Italia : 1848-1994, Laterza, Roma-Bari 2010.
9) Roberto Martucci, Storia costituzionale italiana. Dallo Statuto albertino alla Repubblica (1848-2001), Carocci, Roma 2002.
10) Charles H. McIlwain, Costituzionalismo antico e moderno, a cura di Nicola Matteucci, Il Mulino, Bologna 1990.
11) Guido Melis, Fare lo Stato per fare gli italiani. Ricerche di storia delle istituzioni dell’Italia unita, Il Mulino, Bologna 2014.
12) Roland Mousnier, L’assassinat d’Henri IV, Gallimard, Parigi 2008.
13) Silvano Labriola, Storia della Costituzione italiana, Esi, Napoli 1995.
14) Silvana Patriarca, Italianità, La costruzione del carattere nazionale, Laterza, Roma-Bari 2010.
15) Pierfranco Pellizzetti e Giovanni Vetritto, Italia disorganizzata, Bari, Dedalo 2006.
16) Michel Troper, Per una teoria giuridica dello Stato, Guida, Napoli 1998.
17) Michel Troper, Storia della separazione dei poteri, Esi, Napoli 2004.
18) Carlo Tullio-Altan, La nostra Italia. Clientelismo, trasformismo e ribellismo dall’Unità al 2000, Università Bocconi Editore, Milano 2000.
19) Luciano Violante, Magistrati, Einaudi, Torino 2009.
20) Luciano Violante, Il dovere di avere doveri, Einaudi, Torino 2014.

More texts can be agreed together with the Professor (including foreign language texts).